Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest

Tabella dei Contenuti

[et_pb_section fb_built=”1″ _builder_version=”3.21.1″ custom_padding=”0|0px|54px|0px|false|false”][et_pb_row _builder_version=”3.21.1″ custom_padding=”0|0px|27px|0px|false|false”][et_pb_column type=”4_4″ _builder_version=”3.21.1″][et_pb_text _builder_version=”3.21.1″]

Sempre più spesso mi capita di vedere persone in ambulatorio che mi raccontano di avere la pancia così gonfia da sembrare in stato di gravidanza… Infatti, la sensazione di gonfiore addominale, o meteorismo, è uno dei sintomi più comuni in gastroenterologia, soprattutto nel sesso femminile.

Solitamente, il meteorismo compare dopo i pasti, e può interessare tutto l’addome o solo i quadranti superiori; in quest’ultimo caso si associa ad una digestione difficoltosa, con la sensazione di peso sullo stomaco di cui avevamo già parlato…

In questi casi, è opportuno eseguire una visita gastroenterologica per indagare al meglio la causa del disturbo. Le più frequenti sono:

In generale, comunque, il meteorismo dipende da una o più popolazioni batteriche producenti gas che aumentano la loro concentrazione a livello del microbiota intestinale dell’individuo. Il gas prodotto distende le pareti intestinali e questa distensione può anche causare intenso dolore al paziente.

I CONSIGLI PER IL METEORISMO

Sarà poi il gastroenterologo a consigliare la terapia più adeguata per ogni caso specifico, ma alcuni semplici consigli vanno bene per tutti i casi di meteorismo:

  1. Mangiare lentamente e masticare beneMantenere più tempo in bocca gli alimenti fa sì che ci sia più saliva nel bolo alimentare, che così arriva nello stomaco già in parte digerito dall’amilasi salivare
  2. Evitare di parlare troppo mentre si mangiaParlare mentre si mangia fa sì che aumenti il rischio di deglutire aria, che una volta entrata nello stomaco resta intrappolata nel tubo digerente aumentando il gonfiore
  3. Evitare le bibite gassateL’anidride carbonica presente in tutte le bibite gassate si libera a livello dello stomaco e dell’intestino man mano che avviene la digestione, e distende ovviamente il tubo digerente
  4. Evitare gli alimenti contenenti lattosioAl di là della presenza o meno di un’intolleranza al lattosio, questo zucchero è fortemente indigesto con l’andare degli anni, e quindi ridurne la quantità rende meno probabile una sua processazione a livello intestinale da parte di batteri producenti gas
  5. Variare il più possibile gli alimentiMangiare cose diverse fa sviluppare popolazioni diverse di batteri nel nostro intestino, e di conseguenza è meno probabile che prenda il sopravvento una delle specie producenti gas

Oltre a questi semplici consigli, è bene ricordare che la dieta è la componente principale del trattamento del meteorismo, e deve essere necessariamente personalizzataUna visita gastroenterologica approfondita è il modo migliore per gestire questo sintomo molto fastidioso.

fonte: http://www.lorenzobertani.it

[/et_pb_text][/et_pb_column][/et_pb_row][/et_pb_section]

Iscriviti alla nostra newsletter

Iscriviti e rimani aggiornato su tutti i servizi del Centro Esculapio Lucca

Potresti trovare interessanti anche:

Condividi il post:

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Contatto rapido

Orari del centro